Farmacista Di Gagliato

I Minerali​

Tempo di lettura: 2 minuti

Uno squilibrio nei valori dei minerali produce una serie di sintomi. Si va dall’affaticamento, alla depressione, ai disturbi della prostata, all’insonnia, alle cefalee, alla perdita capelli, all’iperattività, acne, problemi emotivi, disturbi alla tiroide, diabete, allergie, ipoglicemia, ipertensione, artrite, anemia, malattie cardiovascolari e per finire ai disturbi dell’apparato muscolo-scheletrico. Cosa succede? Perché all’improvviso?

Seguimi, dai!

Indice
• Minerali
• Squilibrio
• Cosa fanno
• Profilo minerale

I Minerali

Nel tuo corpo c’è ne sono diversi, alcuni utili a fa funzionare l’intero organismo (Minerali nutrizionali), altri tossici (Minerali tossici) che minano la tua salute. Se vuoi conoscere in dettaglio i vari minerali nutrizionali clicca qui. Se preferisci saperne di più sui minerali tossici allora vai su questa pagina.

Squilibrio

I minerali nutrizionali risentono di ogni condizione di stress. Che sia uno stress psicofisico o una patologia in forma cronica e acuta, può accadere che il minerale si “consumi” più rapidamente oppure venga assorbito con più difficoltà, attraverso gli alimenti. Ad esempio, gli alimenti raffinati e preparati preconfezionati e industriali, a discapito di alimenti integrali, frutta e verdura di stagione, oltre che a problemi di cattivo assorbimento dovuto a squilibri nella flora batterica o a patologie da malassorbimento intestinale, possono determinare una carenza. Viceversa, un uso errato degli integratori può determinare un eccesso di alcuni minerali essenziali.

L’organismo non tollera né le carenze né gli eccessi dei minerali; tali situazioni portano ad un alterato equilibrio funzionale, che spesso si esprime con patologie di difficile diagnosi, cattiva funzionalità corporea e accumulo di minerali in tessuti in cui non dovrebbero accumularsi.

Cosa fanno

Il tuo splendido corpo è fatto di cellule e ognuna di queste svolge compiti ben precisi. Ha bisogno dei minerali. Esiste una branca della medicina che si chiama oligoterapia e considera la possibilità di curare proprio valutando lo squilibrio e bilanciando di conseguenza. Perché? Prova a leggere questo elenco e ti renderai conto di cosa parliamo. Questi sono i casi in cui conoscere il profilo dei minerali potrebbe essere utile:

• Gravidanza (valutazione dell’esposizione ai metalli pesanti e ai loro antagonisti come calcio, ferro e selenio)
• Allattamento (carenze nutrizionali) e prima infanzia
• Menopausa
• Astenia
• Autismo
• Patologie immunitarie (malattie autoimmuni, deficit, ipersensibilità)
• Osteoporosi
• Alterazioni endocrine e dismetaboliche
• Alterazioni delle funzioni sessuali (infertilità)
• Alterazioni della nutrizione (disbiosi croniche, malattie intestinali, intolleranza)
• Sovrappeso e ritenzione

Profilo minerale

Vuoi conoscere il tuo profilo e non sai come fare? Semplice, basta un test per avere le idee più chiare. Vuoi scoprire i test in circolazione? 

*Le informazioni non costituiscono un parere professionale e non intendono sostituire la ricerca di un consulto individuale con un medico o altri professionisti sanitari qualificati. Il lettore non deve tralasciare o ritardare la ricerca di un parere medico a seguito delle informazioni reperite su questo sito.

Potrebbero interessarti

Fai una Domanda

Non hai trovato quello che cercavi e hai bisogno di avere maggiori informazioni?