Farmacista Di Gagliato

Le Allergie Alimentari​

Tempo di lettura: 3 minuti

Dopo un pasto, la tua lingua si gonfia? Il viso si trasforma? Hai difficoltà respiratoria e il tuo corpo è ricoperto di puntini rossi? Potresti avere avuto una reazione allergica ad un alimento specifico.
Vuoi sapere perché è accaduto a te?
In questo articolo ti parlerò di allergie alimentari, ti chiarirò la differenza tra allergia e intolleranza, senza trascurare la sensibilità agli alimenti, e ti svelerò come scoprire se ne soffri davvero.

Andiamo dai!

Indice
• Perché accade
• Cos’è l’allergia alimentare
• Perché i sintomi sono diversi
• Quali alimenti danno allergie
• Le cause
• Quali sintomi
• Come scoprire le allergie
• Come gestire le allergie

Perché accade?

Allergici si nasce! La predisposizione genetica si può manifestare in modi e forme diverse da soggetto a soggetto a diverse età.
Se in una famiglia, c’è un parente allergico in linea diretta (padre, madre, nonni..) esiste una forte probabilità che anche i discendenti lo siano.

Cos’è l’Allergia alimentare?

È un errore del sistema immunitario che scambia per nocivo qualcosa che invece non lo è. Vediamo come funziona.
Tu introduci un alimento e il sistema immunitario si considera attaccato e libera un anticorpo definito IgE, che a sua volta spinge ad aumentare l’Istamina. Proprio questa ultima è responsabile dei sintomi che si manifestano sul tuo corpo. È lei che si diverte a trasformare il tuo corpo e maggiore è la quantità rilasciata e maggiori e più intensi saranno i sintomi che noterai.
Vuoi sapere la differenza tra allergia, intolleranza e sensibilità? Sono ovviamente tre cose diverse e se clicchi qui lo scoprirai.

Perché i sintomi sono diversi

Hai scoperto che il sistema immunitario considera nocivo un alimento e libera l’IgE. Cos’è? È un anticorpo che attacca una proteina presente nell’alimento in questione. È proprio il tipo di proteina verso cui il soggetto sviluppa allergia a determinare l’intensità della reazione.
Ci sono proteine che resistono alla cottura e alla digestione gastrica e sono responsabili di reazioni serie e a volte davvero pericolose.
E proteine che invece si degradano in cottura o nella digestione e generalmente producono sintomi più lievi.
In pratica è una questione di digestione e cottura! Facile, no?

Quali alimenti danno allergie?

La maggior parte delle allergie alimentari è provocata da determinate proteine contenute in:
• crostacei, ad esempio gamberetti, aragosta e granchio
• arachidi e frutta a guscio come noci e nocciole
• pesce
• uova
• latte vaccino e derivati

Le cause?

Hai letto che una predisposizione genetica può favorire la comparsa di una reazione allergica, ma ci sono altre cause di rischio. Scopriamo le più comuni.
L’eccessiva pulizia del tuo ambiente di vita è una possibile causa di rischio. Alcune pratiche poco opportune riducono la possibilità di entrare in contatto con lo sporco e quindi con batteri, funghi e virus. Usare la candeggina ovunque come se temessi l’invasione di batteri extraterrestri, o comunque prodotti “troppo pulenti” possono disabituare il sistema immunitario.
Così l’uso di prodotti “senza qualcosa” abitua la pelle ad una delicatezza eccessiva e ad una possibile reazione quando si va incontro a qualcosa di nuovo.
Non è solo l’ambiente circostante a condizionare il sistema immunitario, bensì la qualità di vita stessa. Lo stress interferisce sulla flora intestinale che ha un ruolo importante nell’azione del sistema immunitario. Curiosità? Salta su questa pagina.
Se poi hai allergie di altro tipo, come quella per il polline o la polvere, dovrai aspettarti che possa arrivare una qualche forma di allergia alimentare. Si parla in questo caso di allergie crociate. Non ti angustiare, qui trovi degli esempi.

Quali sintomi

I sintomi più comuni sono l’orticaria, l’eczema, gli occhi gonfi ed arrossati e il prurito alla bocca. A volte, potresti avere gonfiore del viso, della gola e delle labbra. Purtroppo, anche la diarrea, la nausea e il vomito. Non puoi escludere, però, in casi gravi, anche problemi respiratori, l’asma e la congestione nasale. Si, anche mal di testa, svenimento e vertigini fanno parte delle possibili reazioni allergiche. Perfino fiato corto e tosse potrebbero essere un segnale di allarme. Di sicuro, augurati di non aver mai uno shock anafilattico. È l’estrema reazione allergica, quella che davvero potrebbe farti rischiare la vita perché dalla difficoltà respiratoria si potrebbe passare al collasso, al coma ed infine alla morte.

Come scoprire le allergie?
L’unica possibilità è eseguire il test sugli allergeni. Scopri qui di che si tratta.

Come gestire le allergie?
L’unica soluzione è escludere l’alimento incriminato. A differenza di quanto accade nell’intolleranza, bastano quantità minime dell’allergene per avere reazioni, anche gravi.

TAGS: reazione allergica,difficoltà respiratoria, intolleranza, allergia, sensibilità agli alimenti, dermatite, test, disbiosi, IgE, istamina, microbioma, flora .

*Le informazioni non costituiscono un parere professionale e non intendono sostituire la ricerca di un consulto individuale con un medico o altri professionisti sanitari qualificati. Il lettore non deve tralasciare o ritardare la ricerca di un parere medico a seguito delle informazioni reperite su questo sito.

Potrebbero interessarti

Fai una Domanda

Non hai trovato quello che cercavi e hai bisogno di avere maggiori informazioni?